Friends

BON TON MATRIMONIALE IN PILLOLE


NOZZE E BON TON

in pillole.


Il matrimonio, per tradizione, è sempre stato annunciato dai genitori degli sposi, attraverso un cartoncino stampato a libro, ossia la cosiddetta "partecipazione".


I tempi cambiano e da queste regole i futuri sposi non dipendono più, tanto che si ancora, ovviamente, ricorrere alla forma classica ma, ed è questa la novità saliente, gli stessi futuri sposi possono annunciare il proprio matrimonio.
E' da considerarsi, poi, di cattivo gusto far annunciare ai genitori il matrimonio se i nubendi sono in età superiore ai trent'anni ed indipendenti economicamente.


La partecipazione di matrimonio contiene semplicemente l'annuncio da parte dei genitori, i nomi degli sposi, il luogo la data e l'ora della cerimonia, gli indirizzi dei nubendi per il recapito dei regali, e l'indicazione di dove si svolgerà la cerimonia.
Gli inviatati al banchetto troveranno nella busta anche un biglietto che li informa sulla Location e il modo più facile per arrivarvi con l'aiuto di una cartina stradale stampata sul retro, se di difficile raggiungibilità. 

Sulle buste delle partecipazioni non trovano iscrizione i titoli accademici, mentre si possono utilizzare quelli nobiliari.
Se  lo sposo (o la sposa) siano orfani, l'annuncio sarà dato da un solo genitore. Se la madre di uno degli sposi è vedova risposata, parteciperà con il cognome del secondo marito preceduto da quello da nubile.

Qualora i genitori siano separati ma siano rimasti in buoni rapporti, potranno partecipare insieme (la moglie con il cognome da ragazza), nel caso, invece, non siano buoni i rapporti, l'annuncio lo dovrà fare il genitore a cui è stato legalmente affidato il figlio.






S.O.S. BON TON. Un servizio innovativo, comodo, veloce.



S.O.S. BON TON

Un servizio innovativo,
comodo, 
veloce.


I Manuali di Bon Ton e Galateo, sono utilissimi,
ma hanno un limite:
NON RISPONDONO ALLE DOMANDE
 DELL'INFINITA CASISTICA CHE
QUOTIDIANAMENTE
SI PRESENTA NELLE OCCASIONI E NEI MOMENTI DELLA VITA SOCIALE, CONVIVIALE, SENTIMENTALE,
DI CHIUNQUE!

Qualche esempio:


● Devo organizzare a casa una cena importante di lavoro, come assegno i posti agli ospiti di prestigio, senza sbagliare?


● Mi è stata chiesta una consulenza professionale da un parente, devo chiedergli l’onorario e se sì, come fare?


● Ho una cena galante con una donna a cui tengo molto, devo portarle un regalo e se sì quale, per ben figurare?


E ALLORA CHE FARE?

COME RISOLVERE SITUAZIONI D'IMBARAZZO,
DUBBI, QUESTIONI E PROBLEMI,
come vorresti, ma non sai bene come fare,
senza mai "perdere la faccia",
con stile e facendo la differenza!

ECCO LA SOLUZIONE!

con soli 25,oo Euro (iva compresa)
potete pormi una domanda tramite Email
e vi risponderò esaurientemente
entro 48 ore
dal pagamento!

MODALITA e AVVERTENZE:

1)  Inviate una Email all'indirizzo bonton@poetando.it contenente UNA SOLA DOMANDA (vedi esempi sopra)
e i seguenti dati:
- Nome 
- Cognome
- Indirizzo e Cap
- Codice Fiscale per invio fattura (a privato, non deducibile)

2) Pagamento da effettuarsi, preferibilmente, tramite ricarica della mia Carta PostePay di cui riceverete il Codice o tramite C/C Postale C/C Postale 000072763865 intestato ad Alberto Presutti.

3) Confermate l'avvenuto pagamento via fax al numero: 055.3249880 inviando copia della ricevuta. 

4) Entro 48 ore dalla conferma di pagamento, riceverete una Email di riposta esauriente al vostro quesito.
,




"A DIETA CON BON TON" a cura di Alberto Presutti




A DIETA CON BON TON


a cura di Alberto Presutti

Con l’arrivo dell’estate e con la fine delle vacanze, fioriscono le diete e il bisogno di ritrovar se stessi con una “remise en forme” che depuri e consenta di riacquisire quel benessere che è andato perduto, prima con la vita sedentaria di casa ed ufficio poi con gli stravizi vacanzieri.

Oggigiorno, la dieta fa parte della nostra cultura alimentare, e spesso si esplica come uno stile di vita che si contrappone ai piaceri della tavola. Le esagerazioni alimentari sono sbagliate, ma la dieta non può essere effettuata solo per seguire una moda o per ricercare, ostinatamente, un riscontro estetico.

Ma cosa consiglia il Bon Ton a proposito di diete?

La cura di sé passa attraverso l’auto-controllo, il sapersi gestire, osservare, amare.

E’, certamente buona regola, quando si decide di seguire una dieta, o di ricorrere all’uso di tisane depuranti che sostituiscano il bere o il cibo, non imporre, in nessun modo, questo percorso deprivativo ai nostri parenti, e soprattutto al partner così come ai figli, negando la preparazione di piatti abituali e succulenti, che a seguito della dieta, ora si devono aborrire.

Assolutamente non si deve costringere mai gli ospiti ad assecondare la dieta che si effettua, né con una cucina leggera e parca di porzioni, né, con gran cattivo gusto, illustrando pedantemente i benefici fisici derivanti dall’essere a dieta, a tavola.

Pertanto il Bon Ton impone di non cominciare a criticare, in alcun ambito o situazione, le altrui abitudini alimentari che non si sposerebbero con la dieta che si è scelta, che non deve essere sentita come una religione i cui dogmi non sono discutibili e chi lo fa è un eretico da perseguitare! Purtroppo questo è un modo antipatico ma molto frequente di relazionarsi che sconfina nella più gretta maleducazione.

Ovviamente, solo perché si ottempera ai dettami di una dieta, guai a rinunciare alla consueta vita sociale, evitando la frequentazione di ristoranti e riservando le uscite solo a praticare le austere sale di laboratori macrobiotici.

C’è poi un errore a cui bisogna sfuggire, come ricorda il Bon Ton, e cioè quello di obbligare gli amici da cui si è ospiti, a cucinare piatti afferenti alla dieta che si segue, magari di difficile preparazione per pesatura ed ingredienti, ma a cui non si riesce più a fare a meno, neanche per una volta!

Se, invece, non si vuole svelare d’essere a dieta, è meglio inventarsi una scusa plausibile che giustifichi “l’occasionale” poco appetito, ma stando attenti a non “mangiare con gli occhi” i piatti altrui!







"Bon Ton e Selfbrand anche nell’ottica del Web 2.0" a cura di Alberto Presutti


FORMAZIONE On Line

"Bon Ton e Selfbrand anche nell’ottica del Web 2.0"
a cura di Alberto Presutti


Clikka e leggi: http://www.centrogiusepperomano.it/portal/category-content.html?idc=371

ALBERTO PRESUTTI PARLA DI SELFBRAND NEL WEB 2.0 AD "ITALIAPROFESSIONI" a MILANO




Alberto Presutti terrà un
SHORTWORKSHOP per "ItaliaProfessioni"

Martedì 20 Settembre 2011
dalle ore 18:30 alle ore 20:00

c/o Unione Confcommercio Milano
Corso Venezia 47, Milano

- Sala Turismo -

"Bon Ton quale comunicazione efficace

di noi stessi anche nei Social Network"

Imparare a creare e presentare il nostro "Brand" per incrementare

il nostro successo, di persona e nei Canali Social.


In modo particolare si parlerà di:

SelfBrand: il nostro marchio distintivo.
Comunicazione e prima impressione. Fare la differenza. Il Bon Ton ci aiuta.
Stile, Bon Ton e comunicazione personale. Rafforzare la propria immagine. Rafforzare la reputazione.
Autenticità, coerenza, congruità.
Sapersi guardare e farsi guardare. Al simile piace il simile.
Comunicazione esterna: biglietto da visita, brochure, sito web.
Il proprio packaging. Errori da non fare.
Fare Business Networking con il Bon Ton, per lasciare il segno.
"Social Bon Ton" e strategia vincente.



AVVERTENZA:

La partecipazione è gratuita ed è riservata esclusivamente agli associati CONFCOMMERCIO Milano.











Google+ Badge

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More