Friends

"BON TON QUALE ODIERNA TRASGRESSIONE". Intervista audio di ALBERTO PRESUTTI per il Blog di KRISTA CORSO




Intervista audio

"Trasgredire veramente oggi, ecco la ricetta:
un pizzico di bon ton,
gli altri ingredienti col maestro Alberto Presutti"




La mia professione di conduttrice tv, negli anni, mi ha portata a frequentare, e conoscere ogni sorta di personalità cosi detta scandalosa o fortemente trasgressiva: dall’omosessuale, alla drag queen, alla escort, agli spogliarellisti, deejay, modelle, attori, trans, addirittura porno star… li ho adorati per la loro mancanza di ipocrisia e mi hanno adorata per incarnare l’atteggiamento ribelle nel mio essere ed esistere attraverso un corpo ancora autentico.

Spesso l’abito fa il monaco, ma il monaco sotto l’abito è nudo.
Conta sapere chi siamo, e per saperlo occorre spogliarsi più che vestirsi.
Il mio unico credo comprende il concetto che più mi fa battere il cuore: ribellione.
Eppure, il mio corpo non parla delle mie rivoluzioni.
Non ho tatuaggi, non mi drogo, non ho un linguaggio da nicchia, non vesto strana, non recito mantra e non ho religioni alle quali consegnare la mia morale… sono libera e slegata anche da simboli di libertà.


Cestino le ricette mediche, non prendo farmaci, uso solo la mia mente per contrastare ogni fatto avverso nella mia vita, non sono condizionabile e nemmeno influenzabile, non dipendo da nulla e da nessuno.

Ma non sono brava, sono semplicemente allenata.
Il mondo esterno non va mai coinvolto nelle nostre personali battaglie, perchè ciò che esiste fuori, vive prima dentro, la guerra va combattuta e vinta prima dentro di noi, perchè l’unico nostro nemico, siamo noi stessi!
La trasgressione dei nostri tempi non è più lottare e manifestare, ma è armonizzare.
Il vero trasgressivo d’oggi, riesce a non divorziare e tenere la famiglia unita, il vero trasgressivo non tradisce, ma riesce davvero a sentire dentro lealtà, il vero trasgressivo dedica del tempo ai propri figli e lo fa con sincero altruismo.
I veri trasgressivi dei nostri tempi sono gli onesti a tutti i costi, i coerenti, coloro che non accettano compromessi.
La trasgressione dell’uomo moderno non sta più nell’imitazione di modelli standard o icone di tendenza, e quindi, ecco che si preferisce chi, in discoteca, non si vergogna di rifiutare una dose di cocaina e chiedere in cambio un succo di frutta multi vitaminico, e questa è davvero l’eccezione di una regola.
Il trasgressivo non usa sedativi se è angosciato, ma contrasta da solo l’insorgere del panico, attraverso un atteggiamento paziente verso ogni sua debolezza.
Chiedere aiuto mentre siamo in difficoltà, significa non risovere, è disperazione, e sentiamo che non abbiamo le capacità per farcela, ecco perchè ci serve aiuto, ma quell’aiuto non è una soluzione che matura da noi, è un appiglio esterno e di passaggio fine a se stesso. Solo i forti possono chiedere aiuto senza danneggiarsi, perchè necessitano di collaborazioni.
Trasgredire oggi, è soprattutto, non fare ciò che fa la maggior parte delle persone, per paura!
Noi siamo tutti già forti e già felici e non abbiamo bisogno di nulla di esterno a noi per modificaci, migliorarci o abbellirci, noi siamo già potenti e non abbiamo affatto bisogno della stampella per stare in equilibrio, come gli psicofarmaci, gli eccitanti, il fumo, le droghe o i mantra…
Il vero trasgressivo è colui che sa chi è e che con questa consapevolezza, permane tra la gente e in ogni sorta di situazione, senza vacillare e senza giudicare.
Il trasgressivo sa che potrebbe avere il coraggio di abbracciare un criminale, come atto estremo verso un estremo emarginato ed etichettato, oltre che impachettato, e a quel punto, si è liberi del tutto.
E proprio partendo da un atteggiamento decondizionato ed assolutamente esente da bigottismi di sorta, mi sono chiesta se l’assenza di maleducazione fosse un fatto da considerarsi ormai come straordinario…
Ho quindi scomodato il bon ton, reputandolo un modo di essere quasi appannato del tutto e ingiustamente frainteso come modalità snob.

L’amico ritrovato, spesso mio ospite in una trasmissione pre-tg che conducevo sul circuito 7 GLOD – ITALIA7, il maestro Alberto Presutti, un piacevole mix tra il gentlemen d’altri tempi e l’uomo aggiornato che cavalca l’onda moderna, ha accettato ben volentieri di portare il suo autorevole contributo a questo mio post, attraverso una piacevole intervista che mi ha rilasciato.


Poeta estemporaneo e docente di Business e Global Etiquette, Bon Ton e Galateo, autore di un manuale di grande successo: BENTORNATO GALATEO, opinionista RAI e SKY.

Alla mia domanda: “qual’è la cosa sempre giusta da fare”, il maestro mi sorprende… e mi risponde con un semplice: “sorridere!”.

Vi lascio all’ascolto di quest’audio che pare una chiacchierata in salotto tra chi è a proprio agio, scorre con disinvoltura, è leggero ed istruttivo, buon ascolto a tutti!

E’ il ritorno alla pura semplicità che genera in noi la capacità di essere tutto ciò che ci è sufficiente essere.

Un grande grazie al maestro Alberto Presutti.









0 commenti:

Posta un commento

Google+ Badge

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More