Friends

"Bon ton aiuata gli affari ". Per la Rubrica di Alberto Presutti su "Outsidernews"



www.outsidernews.net

Rubrica di "Bon ton"
(24 Febbraio 2012)

Il Bon ton aiuta gli affari


Per professionisti e manager, cocktail party e aperitivi possono costituire momenti molto utili per effettuare un efficace operazione di business networking e il buffet, che non è altro che un pranzo in piedi, è il fulcro attorno al quale si sviluppa l’incontro e la comunicazione.


Presentarsi e comunicare il proprio brand, abbisogna, nel caso del buffet, di saper tenere un comportamento consono per quanto concerne lo stile, il buon gusto e l’osservanza delle regole del Galateo.

Purtroppo, qualunque frequentatore di eventi mondani o professionali nei quali il buffet è presente, può riscontrare e testimoniare la maleducazione fino all’arroganza che si impossessa, scatenandosi, spesso anche nei partecipanti più compassati o di età avanzata.

E’ davvero inverecondo come d’un tratto, a mò di sciame, tutti gli invitati, apertosi il buffet, si gettino su tartine, dolci e salati, e bevano, anzi, taluni sbevazzino, oltre misura, come mai farebbero a casa non dico loro, ovviamente, ma già di semplici conoscenti.

Vi è chi si piazza davanti ad un vassoio, ingollandosi in continuazione, chi, ostruitosi il passaggio tra lui stesso e il buffet, sgomita e allunga telescopicamente le braccia a cercare di cogliere, alla cieca, con mano dalla morsa a pinza, pur che sia qualcosa di commestibile, chi altro, addirittura, si colma il piatto fino a creare una piramide, facendo scorta di tramezzini e bignè, quasi non avesse cenato o fatto colazione da giorni e giorni e morisse di fame.

E così, c’è chi parla con la bocca piena e le labbra non nettate, mentre altri si ostinano a fare presentazioni tra persone che stanno deglutendo e non riescono ben a sillabare il proprio nome e cognome, mentre piatti e bicchieri, di cui nessuno si disfa, stanno ad ergersi come barriera nella comunicazione contro tutte le leggi della prossemica e del Bon ton.

Il cibo pare dividere più di quanto riesca ad unire, in queste occasioni, e il dilemma amletico “mangio o comunico” trova soluzione nel soddisfacimento del primario bisogno alimentare.

Tutti ignorano sostanzialmente tutti, sotto l’occhio abituato e, oramai, dallo sguardo rassegnato, dei camerieri.

Non v’è Bon ton o Galateo che tengano o trattengano e gli stessi invitati che s’abbuffano fino allo sfinimento, rimangono sorpresi, dalla velocità con cui il cibo sparisca, delusi.

Forse è un desinare compulsivo quello che il buffet eccita ed istiga, sicuramente è la morte del Bon ton e del buon senso, dell’educazione e del rispetto per chi ha fame sul serio!



0 commenti:

Posta un commento

Google+ Badge

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More